COME FARE PER… REPERIRE I MODELLI F24 E F23 “IN BIANCO” SUL SITO DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

BREVE PREMESSA
Il modello F24 deve essere utilizzato da tutti i contribuenti, titolari e non titolari di partita Iva, per il versamento di tributi, contributi e premi.
Il modello è definito “unificato” perché permette al contribuente di effettuare con un’unica operazione il pagamento delle somme dovute, compensando il versamento con eventuali crediti.
I contribuenti titolari di partita Iva hanno l’obbligo di utilizzare, anche tramite intermediari (professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc.), modalità telematiche di pagamento.
Il modello F23 deve essere utilizzato per il versamento di imposte, tasse e sanzioni. In particolare, il modello va utilizzato per il pagamento di:
  • imposta di registro, ipotecaria e catastale (per esempio, compravendita d’immobili);
  • imposta sulle successioni e donazioni;
  • sanzioni inflitte da autorità giudiziarie e amministrative (per esempio, diritti di cancelleria e segreteria giudiziaria, multe e contravvenzioni, ecc.);
  • tasse erariali e demaniali (per esempio, concessioni dei beni del demanio marittimo, militare, ecc.).
ISTRUZIONI OPERATIVE
1. Innanzitutto, è necessario recarsi sul sito www.agenziaentrate.gov.it;
2. Nella sezione della homepage denominata COSA DEVI FARE scegliere l’opzione VERSARE;
3. A questo punto è possibile scegliere, all’interno della sezione “Modelli di versamento e istruzioni per la compilazione, software e procedure di controllo” le opzioni F23 e F24;
4. Per ciascuna delle due opzioni, cliccando sul link corrispondente, si apre la SCHEDA INFORMATIVA relativa al modello di pagamento prescelto;
5. Nel box a sinistra è disponibile la sezione MODELLO E ISTRUZIONI, all’interno della quale è possibile reperire in formato PDF i modelli ufficiali correntemente in uso utilizzabili per eseguire i versamenti.