Coronavirus – Decreto “Cura Italia”: differiti i termini di presentazione per domande di NASPI, DIS-COLL e Disoccupazione Agricola

L’INPS, con l’Allegato 1 del messaggio n. 1286 del 20 marzo 2020, ha informato che il Decreto “Cura Italia” ha previsto il differimento dei termini di presentazione delle domande di NASPI, DIS-COLL e disoccupazione agricola.

In particolare, è stato previsto che:

  • per le cessazioni involontarie dei rapporti di lavoro intervenute nel periodo 1° gennaio 2020 – 31 dicembre 2020, il termine previsto per la presentazione delle domande di NASPI e DIS-COLL passa da 68 giorni (termine ordinario) a 128 giorni dalla data di cessazione involontaria del rapporto di lavoro.
  • il termine previsto per la presentazione delle domande di NASPI in forma anticipata, nonché per l’adempimento connesso all’obbligo di comunicazione del reddito annuo presunto da parte dei percettori di NASPI e DIS-COLL nelle ipotesi di contestuale svolgimento di attività lavorativa autonoma/subordinata/parasubordinata, passa da 30 giorni (termine ordinario) a 90 giorni;
  • il termine di presentazione per le domande di disoccupazione agricola relative all’anno 2019, è prorogato al 1° giugno 2020.

Con successiva circolare n. 49 del 30 marzo 2020, l’INPS ha fornito ulteriori istruzioni operative in merito alla proroga dei termini previsti per la presentazione delle domande di disoccupazione.

Leggi anche:

CORONAVIRUS – DECRETO “CURA ITALIA”: QUALI MISURE A SOSTEGNO DELLE IMPRESE?

CORONAVIRUS – DECRETO “CURA ITALIA”: QUALI MISURE A SOSTEGNO DEI LAVORATORI?

CORONAVIRUS – DECRETO “CURA ITALIA”: COSA ACCADE AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E PREVIDENZIALI DOVUTI?