Coronavirus – Decreto “Cura Italia”: i chiarimenti dall’agenzia delle entrate

L’Agenzia delle Entrate, con Risoluzione n. 12/E del 18 marzo 2020, ha fornito chiarimenti in merito a quanto previsto dal D.L. n. 18 del 17 marzo 2020, il c.d. Decreto “Cura Italia”, in materia di differimento e sospensione degli adempimenti fiscali e previdenziali dovuti per il mese di marzo.

In particolare, all’interno della Risoluzione, con riferimento ai soggetti più colpiti dall’emergenza epidemiologica, ovvero i contribuenti dei settori turistico-alberghiero, ristorazione e bar, cultura, centri sportivi, palestre e piscine (ex art. 61 co. 2 lett. a), b) – r) del Decreto “Cura Italia”), sono stati riportati, a titolo indicativo, i codici Ateco delle possibili attività appartenenti a tali settori interessate alla sospensione e al differimento degli adempimenti fiscali e previdenziali disposti dal Decreto “Cura Italia”.

 

Leggi anche:

CORONAVIRUS – DECRETO “CURA ITALIA”: COSA ACCADE AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E PREVIDENZIALI DOVUTI?