Coronavirus: quali provvedimenti a sostegno di imprese e lavoratori?

Si comunica che in data 2 marzo 2020 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.L. n. 9/2020, che ha disposto misure urgenti a sostegno di imprese e lavoratori legate all’emergenza epidemiologica da COVID-19. In particolare, è stato disposto che, per i datori di lavoro del settore privato, compreso quello agricolo, situati in Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, per i quali non trovino applicazione le disposizioni in materia di sospensione o riduzione di orario di lavoro, è possibile ricorrere all’istituto della Cassa di Integrazione Salariale in deroga, per la durata della sospensione del rapporto di lavoro e comunque per un periodo massimo di un mese.

Leggi anche CORONAVIRUS: MISURE CHIARE SOLO PER COMUNI EX ZONA ROSSA

Successivamente, con il D.L. n.18 del 17 marzo 2020, c.d. Decreto “Cura Italia”, sono state introdotte misure di sostegno economico per le famiglie, i lavoratori e le imprese, estese a tutto il territorio nazionale.

La Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro, con circolare n. 8 del 18 marzo 2020, ha fornito chiarimenti in merito alle misure introdotte dal Decreto “Cura Italia”, facendo un’analisi anche delle principali criticità. Con successivo approfondimento del 23 marzo 2020, ha risposto ad alcuni quesiti circa le implicazioni lavoristiche e fiscali del Decreto “Cura Italia”.

Si segnala, inoltre, che il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha pubblicato le risposte ad alcune FAQ circa le disposizioni contenute nel Decreto “Cura Italia”.

Per maggiori informazioni, leggi anche:

CORONAVIRUS – DECRETO “CURA ITALIA”: QUALI MISURE A SOSTEGNO DELLE IMPRESE?

CORONAVIRUS – DECRETO “CURA ITALIA”: QUALI MISURE A SOSTEGNO DEI LAVORATORI?

CORONAVIRUS – DECRETO “CURA ITALIA”: COSA ACCADE AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E PREVIDENZIALI DOVUTI?