Covid-19: approvato il Decreto Ristori Bis

Il Consiglio dei Ministri, nella seduta del 6 novembre 2020, ha approvato il c.d. Decreto Ristori Bis, che introduce ulteriori misure a sostegno dei lavoratori e dei datori di lavoro dei settori maggiormente colpiti dall’epidemia da Covid-19, a completamento di quelle introdotte dal precedente Decreto Ristori.

Il Decreto Ristori Bis risulta in vigore dal 9 novembre 2020.

Di seguito si riportano le principali novità.

Cassa Integrazione

Il Decreto Ristori Bis estende il riconoscimento della Cassa Integrazione anche in favore dei lavoratori in forza al 29 ottobre 2020.

Sospensione contributi previdenziali

Il Decreto Ristori Bis ha previsto che, per le attività di cui al Decreto Ristori operanti nelle Regioni ricomprese nella zona gialla, vengono sospesi i contributi previdenziali e assistenziali solo per il mese di novembre.

Per quelle, invece, esercitate nelle Regioni appartenenti alle zone arancione e rossa, la sospensione è riconosciuta anche per il mese dicembre.

Confronta anche:

Decreto Ristori: sospensione versamenti INPS – INAIL per il mese di novembre

Nuovo DPCM per contenere l’epidemia da Covid-19

Bonus Baby-sitter e congedo straordinario

Il Decreto Ristori Bis, per le Regioni appartenenti alla zona rossa nelle quali è stata disposta la sospensione delle attività scolastiche per le classi seconda e terza media, prevede:

  • un bonus baby sitter da 1.000 euro;
  • il congedo straordinario retribuito al 50% per i genitori lavoratori dipendenti impossibilitati a svolgere l’attività lavorativa in modalità agile.

Per approfondire vedi anche

Decreto Ristori: novità sul congedo Covid-19 per quarantena scolastica dei figli

Covid-19: approvato il Decreto Ristori