Richiesta differimento pagamento contributi per ferie collettive: scadenza il 31 maggio

L’INPS, con messaggio n. 8609/2012, ha disposto che l’istanza di differimento del pagamento dei contributi per ferie collettive deve essere presentata entro il 31 maggio di ogni anno.

Aziende interessate

Le aziende che, a causa della chiusura programmata per ferie collettive, non hanno la possibilità di effettuare il pagamento dei contributi nei termini previsti, possono presentare all’INPS istanza di differimento per il pagamento degli stessi.

Si precisa che, con per ferie collettive, si intende quel periodo di riposo che l’azienda è tenuta, per legge o per contratto, a concedere ai propri dipendenti mediante chiusura dell’esercizio, stabilimento, fabbrica o ufficio, in tutte le sue articolazioni.

Il differimento per ferie collettive può essere concesso:

  • per gli adempimenti di un solo mese, anche se le ferie si pongono a cavallo fra due mesi. In questo caso, il differimento riguarda gli adempimenti da effettuare nel mese con il maggior numero di giorni di ferie;
  • per una sola volta all’anno, anche se la chiusura per ferie collettive si è protratta per meno di un mese, purché la chiusura comporti un’obiettiva e effettiva impossibilità a effettuare i versamenti dovuti nei termini di legge.

Come presentare la domanda all’INPS

Le aziende devono presentare all’INPS l’istanza di differimento esclusivamente in modalità telematica (nella sezione comunicazioni on-line del cassetto previdenziale).

La domanda deve contenere:

  • il mese per cui si chiede il differimento (es. nel caso di chiusura per ferie collettive dal 4 al 26 agosto, il mese da indicare è luglio, in quanto il pagamento dei relativi contributi scade nel periodo di chiusura aziendale);
  • la data entro cui andranno versati i contributi (nell’esempio fatto sopra, la data di pagamento da indicare è quella del mese successivo alla normale scadenza del mese di luglio, quindi il 16 agosto);
  • il periodo di chiusura per ferie collettive;
  • il numero di persone che normalmente è adibito alla gestione dei pagamenti dei contributi.

Occorre precisare che ai fini della compilazione della denuncia contributiva UNIEMENS, come giorno di presentazione, resta fermo l’ultimo giorno del mese successivo.

All’interno dell’UNIEMENS, con il il codice D100 (altre partite a debito/interessi differimento) evidenzieranno il pagamento degli interessi di differimento.

L’Istituto comunicherà, tramite l’istanza di autorizzazione la percentuale per il calcolo degli interessi di differimento.