IL DISTACCO DEI LAVORATORI ALL’INTERNO DI UN GRUPPO DI IMPRESE: L’AUTOMATICA SUSSISTENZA DELL’INTERESSE CHE NE LEGITTIMA L’UTILIZZO

A seguito della pubblicazione dell’Interpello del Ministero del Lavoro n. 1/2016, è stato stabilito che, in caso di distacco di lavoratori all’interno di un gruppo di imprese, vi è l’automatica sussistenza dell’interesse necessario affinché il distacco stesso possa essere ritenuto legittimo.

CHE COS’È IL DISTACCO E QUALI SONO LE CONDIZIONI PER LA SUA LEGITTIMITÀ?

Si configura il distacco di lavoratori quando un datore di lavoro, per soddisfare un proprio interesse, pone temporaneamente uno o più dipendenti a disposizione di un altro soggetto per l’esecuzione di una determinata attività lavorativa.

Ma quali sono le condizioni da rispettare affinché un distacco possa essere ritenuto legittimo? Sul punto, è intervenuto il Ministero del Lavoro con la nota circolare n. 28/2005:

  1. la titolarità del rapporto di lavoro resta in capo al datore di lavoro distaccante;
  2. l’esercizio del potere direttivo da parte del distaccatario;
  3. la sussistenza dell’interesse del datore di lavoro distaccante;
  4. la temporaneità: il periodo di attività presso il distaccatario deve essere temporaneo, ma può protrarsi funzionalmente alla persistenza dell’interesse del distaccante;
  5. la determinazione dell’attività lavorativa: i compiti del lavoratore devono essere precisati e resta esclusa la generica messa a disposizione del dipendente distaccato.

Soffermiamoci sul concetto di “interesse del datore di lavoro distaccante”: l’interesse non può esaurirsi nella mera somministrazione di lavoro o in un interesse esclusivamente economico, ciò ad eccezione del caso di distacchi finalizzati ad evitare dei licenziamenti.

In pratica, qualsiasi interesse produttivo del distaccante legittima il distacco e deve avere le seguenti caratteristiche:

  • sussistere in capo al distaccante;
  • sussistere all’inizio del distacco e permanere per tutta la durata dello stesso;
  • se viene meno comporta l’illegittimità del distacco.

L’INTERESSE AL DISTACCO NELL’AMBITO DEL CONTRATTO DI RETE E DEI GRUPPI DI IMPRESE

Il “Contratto di rete” o rete di Impresa consiste in un accordo finalizzato alla collaborazione, allo scambio e all’aggregazione tra aziende, il cui scopo primario è quello di incrementare la competitività aziendale nonché la capacità di innovare.

Nell’ambito di un contratto di rete risulta più agevole ricorrere al distacco in quanto l’interesse sorge automaticamente e risulta ammessa la codatorialità.

Si ha invece “gruppo di imprese” se ricorrono le condizioni previste dall’art. 2359 c. 1 del c.c. ovvero quando si ha potere direttivo e di controllo di una società (controllante/capogruppo) sulle altre (collegate e controllate). Nell’ambito del gruppo di imprese viene condiviso uno stesso disegno strategico e, pertanto, l’interesse della società distaccante può coincidere con il comune interesse perseguito dal gruppo, in analogia a quanto previsto per il contratto di rete.

Di conseguenza, l’Interpello del Ministero del Lavoro n. 1/2016 ha equiparato e due fattispecie, sostenendo la sussistenza automatica dell’interesse del distaccante e, quindi, la presenza di una delle condizioni legittimanti il distacco.

Approfondiremo l’argomento in altri articoli. Iscriviti alla nostra newsletter settimanale per non perdere gli aggiornamenti in materia di lavoro