INAIL: AUMENTO DELLE INDENNITÀ PER DANNO BIOLOGICO

L’Inail, con la circolare n. 26 del 9 maggio 2014, comunica l’aumento in via straordinaria delle indennità dovute dall’Istituto a titolo di recupero del valore dell’indennità risarcitoria del danno biologico a decorrere dal 2014.
Come noto, infatti, l’art. 13 del D.LGS. 38/2000, nell’introdurre il riconoscimento del danno biologico, non ha previsto un meccanismo di rivalutazione automatica su base annua della Tabella indennizzo danno biologico, approvata con decreto ministeriale 12 luglio 2000. 
Il legislatore, in occasione della emanazione della legge di stabilità 2014, ha previsto, in attesa della introduzione del meccanismo di rivalutazione automatica degli importi indicati nella Tabella indennizzo danno biologico, un ulteriore aumento in via straordinaria degli importi delle indennità, a titolo di recupero del valore dell’indennizzo del danno biologico. 
Con il decreto interministeriale del 14 febbraio 2014 sono stati fissati i criteri e le modalità di attuazione della norma in questione. 
Tale aumento, rivestendo carattere di straordinarietà, non comporta un aggiornamento delle tabelle del danno biologico ma consente di recuperare parte della variazione dei prezzi al consumo per le famiglie di impiegati e di operai accertati dall’Istat, intervenuta negli anni 2000-2013. 
Il decreto interministeriale ha disposto, a decorrere dal 2014, l’aumento nella misura del 7,57% delle indennità dovute dall’Inail ai sensi della Tabella indennizzo danno biologico di cui al decreto ministeriale 12 luglio 2000. Per espressa previsione del decreto in oggetto, l’aumento in questione si aggiunge a quello dell’8,68% di cui al decreto interministeriale del 27 marzo 2009. Quanto all’ambito di applicazione, detto aumento riguarda i ratei di rendita maturati e gli indennizzi in capitale liquidati dal 1° gennaio 2014 e si applica esclusivamente agli importi effettivamente erogati dall’Istituto.