INPS: esonero contributivo per coltivatori diretti ed imprenditori agricoli professionali

Con circolare n. 85 del 11 maggio 2017, l’INPS ha fornito chiarimenti circa l’esonero contributivo per coltivatori diretti ed imprenditori agricoli professionali in vigore per l’anno 2017.

L’esonero in oggetto è riconosciuto ai Coltivatori Diretti ed Imprenditori Agricoli Professionali che abbiano iniziato una nuova attività imprenditoriale agricola nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2017 e che non abbiano compiuto quarant’anni d’età alla data d’inizio della nuova attività imprenditoriale agricola. L’esonero è ammesso anche per l’anno 2016 per le aziende che, oltre i requisiti di cui sopra, siano ubicate nei territori montani e/o nelle zone agricole svantaggiate.

Il beneficio è pari all’esonero dal versamento dell’accredito contributivo presso l’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia ed i superstiti, secondo la misura di seguito indicata: esonero del 100% per i primi 36 mesi di attività, esonero del 66% per gli ulteriori 12 mesi ed esonero del 50% per gli ulteriori 12 mesi.

Sono esclusi dall’agevolazione il contributo di maternità dovuto ed Il contributo INAIL dovuto dai soli Coltivatori Diretti.

Ai fini dell’ammissione al beneficio i Coltivatori Diretti e gli Imprenditori Agricoli Professionali dovranno inoltrare all’INPS una domanda telematica di ammissione all’incentivo.