LAVORATI STRANIERI: IL PERMESSO DI SOGGIORNO DIVENTA “UNICO”

Secondo quanto previsto dal D.Lgs. n. 40/2014, attuativo della direttiva 2011/98/UE che introduce nel nostro ordinamento la procedura per il rilascio del “permesso unico lavoro”, a far data dal 6 aprile 2014 gli Stati membri dell’Unione europea sono tenuti ad esaminare, con un’unica procedura, le domande di autorizzazione a cittadini stranieri a soggiornare e lavorare nel territorio e a rilasciare, in caso di esito positivo, un’autorizzazione unica al soggiorno e all’esercizio del lavoro subordinato. 
All’articolo 1 il decreto introduce modifiche agli articoli 4-bis, 5 e 22 del Testo Unico sull’immigrazione, prevedendo l’allungamento a 60 giorni del termine massimo per il rilascio di tutti i permessi di soggiorno.
L’articolo 2 del D.Lgs. n. 40/2014 prevede anche l’abrogazione delle norme che esigono la stipula del contratto di soggiorno al momento del rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro.