Licenziamento collettivo: quali sono le condizioni per l’annullabilità?

Con la sentenza n. 24558 del 1° dicembre 2016, la Corte di Cassazione ha asserito che in caso di licenziamento collettivo, la violazione dei criteri di scelta è causa di annullabilità del licenziamento solo per coloro che hanno subito un pregiudizio.

Ciò significa che, nella fattispecie dell’annullabilità del licenziamento per violazione dei criteri di scelta, l’annullamento non può dunque essere domandato indistintamente da ciascuno dei lavoratori licenziati, ma soltanto da quei lavoratori che abbiano nel concreto subito un pregiudizio per effetto della predetta violazione, la quale ha avuto un ruolo determinante rispetto al licenziamento.