Minacce al datore di lavoro: legittimo il licenziamento disciplinare

licenziamento minacce datoredi lavoro studio paserioLa Corte di Cassazione ha dichiarato legittimo il licenziamento per giusta causa comminato al lavoratore che, all’atto della ricezione della sanzione disciplinare, si rivolge al datore di lavoro con tono minaccioso e con espressioni dal contenuto scortese.

Con sentenza n. 5776 del 23 marzo 2016, la Suprema Corte ha asserito che il nervosismo scaturito dalla ricezione della sanzione disciplinare, non in ogni caso giustificare la condotta irrispettosa e irriverente nei confronti del proprio datore di lavoro.