PERIODO DI PROVA E CONSEGUENZE DELLA NON SPECIFICITA’ DELLA MANSIONE

Con la sentenza n. 3852 del 25 febbraio 2015, la Corte di Cassazione ha precisato che la qualifica specifica cui viene adibito il lavoratore all’atto dell’assunzione e per lo svolgimento del periodo di prova deve essere chiara e comprensibile. 
Infatti in caso contrario, il licenziamento per mancato superamento della prova può essere illegittimo.