Proroga ex lege dei contratti a termine e di apprendistato: il Ministero del Lavoro chiarisce

Il Ministero del Lavoro, in risposta a una Faq, ha ricordato che l’articolo 93, comma 1-bis del Decreto Rilancio, ha stabilito che il termine dei contratti a tempo determinato (anche in somministrazione) e dei rapporti di apprendistato è prorogato per una durata pari al periodo di sospensione dell’attività lavorativa, causa COVID-19.

Tale previsione si applica al fine di evitare che la loro durata iniziale risulti di fatto ridotta per effetto di circostanze non imputabili al lavoratore.

Nel periodo di sospensione dell’attività lavorativa rientrano:

  • i  periodi di fruizione di un ammortizzatore sociale COVID-19;
  • solo per i contratti a tempo determinato, anche i periodi di ferie “forzate” per COVID-19.

In tutti questi casi il datore di lavoro, entro 5 giorni dalla data di scadenza originaria, deve effettuare la comunicazione obbligatoria di proroga, modificando il termine inizialmente previsto per un periodo equivalente a quello di sospensione dell’attività lavorativa.