RASSEGNA NEWS DELLA SETTIMANA – Agg. al 26.07.2018

INL: CHIARIMENTI SULL’OMESSA ASSUNZIONE DEL DISABILE

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) con la nota prot. n. 6316/2018, ha fornito, ai propri ispettori, alcuni chiarimenti in merito all’illecito relativo all’omessa assunzione dei soggetti disabili o appartenenti alle categorie protette.

L’illecito, che va configurato come istantaneo ad effetti permanenti, si verifica quando, allo scadere del 60° giorno, il datore non abbia provveduto all’assunzione obbligatoria del soggetto disabile o appartenente alla categoria protetta.

Si segnala che gli effetti dell’omissione Si protraggono nel tempo fino a quando la situazione antigiuridica non viene rimossa (secondo le modalità chiarite dalla nota INL del 23 marzo 2017) ovvero a seguito della presentazione agli uffici competenti della richiesta di assunzione o la stipulazione del contratto di lavoro con la persona con disabilità avviata dagli uffici.

Per approfondimenti: VIDEO TG – Collocamento obbligatorio – Le novità del D.LGS 151/2015


Come Funziona il Lavoro Intermittente Lavoro a ChiamataINPS: ELABORAZIONE DELLE SITUAZIONI DEBITORIE DELLA GESTIONE SEPARATA

Con messaggio n. 2862/2018 l’INPS ha comunicato la fine delle operazioni di elaborazione delle situazioni debitorie delle aziende committenti che durante l’anno 2017 o negli anni precedenti abbiano denunciato tramite il flusso Uniemens il pagamento di compensi ai soggetti iscritti alla Gestione separata.

L’Amministrazione ha specificato che:

  • la situazione debitoria comprende l’omesso pagamento del contributo dovuto, sia totale sia parziale, relativo ad ogni singolo periodo mensile e il calcolo delle sanzioni civili calcolate sul contributo omesso e/o sul ritardato versamento;
  • la pubblicazione della comunicazione è anticipata sia all’azienda committente sia all’intermediario collegato da un “Alert” inviato all’indirizzo PEC/e-mail dell’azienda committente.

Si ricorda che la comunicazione di debito è necessaria e antecedente al passaggio alle fasi successive utili per il recupero del credito tramite l’emissione dell’Avviso di addebito.

Per approfondimenti:
VERSAMENTO CONTRIBUTIVO ALLA GESTIONE SEPARATA INPS
GESTIONE SEPARATA: QUALI SONO I SOGGETTI TENUTI ALL’ISCRIZIONE?


ECA – ESTRATTO CONTO AMMINISTRAZIONE: AGGIORNAMENTI PROCEDURALI

L’INPS con messaggio n. 2976/2018 ha reso noti gli aggiornamenti procedurali sull’Estratto Conto Amministrazione, strumento che facilita la gestione del credito per Enti, Pubbliche Amministrazioni ed aziende con dipendenti iscritti alla Gestione pubblica.

Nel caso l’“ECA post-validazione” riscontri dei crediti per l’Istituto, sarà notificato, al datore di lavoro, un Avviso Bonario, al quale il datore di lavoro potrà reagire in due modi:

  • effettuando il pagamento della differenza riscontrata dall’Amministrazione;
  • presentando una denuncia correttiva.

Nel caso di mancato pagamento nei termini indicati, il recupero del credito sarà effettuato dall’Agente della Riscossione salvo che il pagamento venga comunque effettuato prima che all’agente della riscossione venga consegnato l’Avviso di Addebito.

Per approfondimenti: Inps: riavvio procedura Estratto Conto della Amministrazione (ECA)