Recupero maxisanzione illegittima per lavoro nero

Con il messaggio n. 7280 del 14 dicembre 2015, l’Inps ha fornito istruzioni circa il rimborso delle sanzioni eventualmente pagate in base alla c.d. maxi sanzione per lavoro irregolare prevista dall’art. 36 bis del D.L. 223/2006, dichiarato illegittimo dalla sentenza della Corte Costituzionale n. 254/2014, in quanto contrastante con l’articolo 3 della Costituzione.
In particolare, il citato art. 36-bis è illegittimo nella parte in cui stabilisce che l’importo delle sanzioni civili connesse all’omesso versamento dei contributi e premi riferiti a ciascun lavoratore di cui al periodo precedente non può essere inferiore a euro 3.000, indipendentemente dalla durata della prestazione lavorativa accertata.