Reddito di lavoro dipendente prodotto in Italia da soggetto non residente: quale disciplina?

L’Agenzia dell’Entrate, con risposta ad Interpello n. 521/2019, ha precisato che, per i lavoratori dipendenti non residenti, ai fini dell’attrazione dei redditi di lavoro dipendente nella potestà impositiva di uno stato, il criterio di collegamento è costituito dal luogo in cui è svolta la prestazione lavorativa. 

Pertanto, uno stato ha potestà impositiva, non solo sui redditi di lavoro dipendente ovunque prodotti dal soggetto residente, ma anche sui redditi di lavoro dipendente prodotti da un soggetto non residente, purché la prestazione lavorativa sia svolta all’interno del suo territorio. 

Ne deriva che, nel caso in cui un soggetto non residente abbia prodotto un reddito da lavoro dipendente svolgendo attività lavorativa in Italia, il predetto reddito sarà assoggettato ad imposizione fiscale in detto Paese.