Decreto Rilancio: novità in materia di smart working e contratti a termine

All’interno del testo della Legge di conversione del Decreto Rilancio, ora al vaglio delle Camere, sono previste due importanti novità:

  • la possibilità di usufruire dello smart working, fino al 31 dicembre 2020, per i lavoratori maggiormente esposti al rischio di contagio da Covid-19, per l’età o perché affetti da altre patologie;
  • il periodo di lockdown in cui le aziende sono rimaste chiuse causa Coronavirus, non si computa ai fini della durata del contratto a termine. Pertanto, è prevista una proroga automatica dei contratti a tempo determinato per il periodo di sospensione dovuto a Covid-19.

Si precisa che, per l’entrata in vigore di tali disposizioni, si  dovrà attendere la conversione in legge del Decreto Rilancio.