Tardivo pagamento delle imposte: le cause di forza maggiore salvano dalle sanzioni

Con sentenza n. 22153 del 22 settembre 2017, la Corte di Cassazione ha asserito che, in caso di tardivo pagamento delle imposte dovuto a cause di forza maggiore, non sono dovuti gli interessi e le sanzioni per il ritardato pagamento.

È stato specificato che la nozione di forza maggiore, in materia tributaria e fiscale, comporta la sussistenza di un elemento oggettivo, relativo alle circostanze anormali ed estranee all’operatore, e di un elemento soggettivo, costituito dall’obbligo dell’interessato di premunirsi contro le conseguenze dell’evento anormale, adottando misure appropriate senza incorrere in sacrifici eccessivi.

È stato, altresì, evidenziato che la nozione di forza maggiore non si limita all’impossibilità assoluta, ma deve essere intesa nel senso di circostanze anormali e imprevedibili, le cui conseguenze non avrebbero potuto essere evitate malgrado l’adozione di tutte le precauzioni del caso.